•  
  •  

2a.3 Genio Civile

2a.3 Genio Civile

2a.3 Genio Civile
2a.3.1 Piano del traffico
Si riprende quanto espresso al capitolo “Componenti del Piano Regolatore”, in particolare al punto “Piano del traffico”, dove si elencano le varie tipologie di strade esistenti nel PR in vigore.

A livello stradale, i principali investimenti previsti dal Comune di Carona, sono riassunti nel documento tecnico economico “Piano di manutenzione strade comunali” allestito dallo studio d’ingegneria Bernardoni SA il 3 marzo 2011.
Questo documento evidenzia che non è prevista la realizzazione di nuove strade o l’adeguamento delle stesse come da indicazioni di PR, bensì una manutenzione straordinaria delle stesse.
Vanno quindi aggiunti interventi, già parzialmente in corso, di altro tipo quali la pavimentazione in pietra naturale delle principali vie del Nucleo ed i previsti interventi di moderazione del traffico lungo la strada cantonale, attualmente in fase di progettazione.

Le opere in corso o programmate sono dunque così riassumibili:
  • Manutenzione strade comunali
    Il documento citato contiene una valutazione visiva delle strade comunali e di alcuneprivate; tale valutazione è accompagnata da una classificazione delle priorità in funzione dello stato di degrado (più o meno accentuato) della pavimentazione e da una valutazione dei costi per le situazioni di maggiore urgenza.
    Nelle considerazioni generali il rapporto fornisce un’idea della situazione attuale. A titolo di esempio, riprendiamo interamente il seguente paragrafo, di sicuro interesse:

    “Dai rilievi sul posto abbiamo potuto constatare che le strade comunali, ad eccezione di qualche caso, si presentano in generale poco delimitate, in stato piuttosto precario e dal tracciato (bordi) spesso risultanti più dall’edificazione privata che da una realizzazione di progettazione stradale vera e propria.
    Presumibilmente lo strato di miscela bituminosa non è in generale superiore a 5-6 cm ed il sottofondo alluvionale non è più in condizioni di svolgere il suo compito sia di portanza che di protezione dal gelo. Per questo sono molto diffuse sia crepe a “ragnatela” che crepe longitudinali. Queste ultime sono anche effetto di assestamenti e di cedimenti dei bordi – spesso non delimitati da cordonate, mocche o muretti – e quindi la carreggiata in questi casi è più debole.

    Da sottolineare anche che è necessario valutare in diversi casi se conviene intervenire soltanto sui rappezzi principali o se invece avere il criterio, per esempio, di mettere a posto in forma completa una strada per volta. Queste sono decisioni che spettano al Municipio….”

    La tabella riassuntiva degli interventi e dei relativi costi presenta un onere complessivo di fr. 643'770.- a carico del Comune di Carona.
    Il DT ha riveduto questo investimento proprio nell’ottica di dilazionare i vari interventi previsti nel tempo realizzandoli però a carattere definitivo (sempre considerandoli a livello di manutenzione straordinaria); l’onere previsto aggiornato, considerando unicamente strade di proprietà comunale, ammonta a fr. 5'060’400.- complessivi (v. allegato 1). Va da sé che gli interventi nella loro variante (a carattere definitivo) è un auspicio del nostro DT che dovranno essere valutati ed approfonditi dal lato tecnico e della sostenibilità finanziaria.

    Quest’onere dovrà essere assunto dalla Città; il relativo credito non è ancora stato sottoposto al vaglio del Consiglio Comunale.
    Il piano delle opere 2010 - 2013 del Comune di Carona prevede un unico investimento per la manutenzione straordinaria delle strade Comunali in corrispondenza di via Nodivra (circonvallazione del nucleo di Carona) previsto nel preventivo di Carona per l’anno 2012 (fr. 300'000.-); la parte restante di investimenti sarà da considerare e da prevedere negli anni successivi.

  • pavimentazione nucleo di Carona
    Nel nucleo di Carona è prevista la realizzazione di una pavimentazione particolare, realizzata completamente in pietra naturale come da progetto dell’arch. Ivano Gianola, che negli anni scorsi ha vinto il concorso progettuale indetto dal Comune.
    Queste opere sono realizzate in parallelo con gli interventi infrastrutturali per la riqualifica del nucleo stesso; si entrerà maggiormente nei dettagli nel capitolo “Canalizzazioni”.
    Per completare quanto realizzato nel 2004 (1 fase) e quanto attualmente in corso, con previsione di termine entro aprile 2012 (2 fase), rimane da definire in dettaglio la terza fase dell’intervento.
    Il Comune di Carona non dispone di una cifra di riferimento; tantomeno è stata pianificata, a livello finanziario, nell’allestimento del piano delle opere 2010 - 2013; l’intero investimento sarà a globale carico, supplementare, della Città.

    Riteniamo che dopo l’eventuale aggregazione, sarà interessante e opportuno riaffrontare la tematica con una progettazione di dettaglio (in una prima fase) che tenga conto di tutte le necessità, sia infrastrutturali sia di pavimentazione.

    Il DT stima tale valutazione in fr. 600'000.-; il relativo credito non è ancora stato sottoposto al vaglio del Consiglio Comunale.

    Visto l’apprezzamento positivo del Comune di Carona e della popolazione all’architetto Ivano Gianola, per completare il progetto di rivalorizzazione del nucleo il Municipio di Carona auspica che anche la piazza della chiesa venga sistemata secondo il progetto elaborato dall’architetto Gianola.

  • moderazione del traffico
    Attualmente è in fase di sviluppo un progetto per la moderazione del traffico della strada cantonale che attraversa il Comune di Carona.
    Il relativo credito di progettazione è stato votato dal CC di Carona il 26.10.2009; il mandato conseguentemente già conferito dovrebbe esaurirsi entro l’eventuale aggregazione.
    L’eventuale realizzazione, dopo approvazione Cantonale e pubblicazione secondo i disposti della Legge Strade, potrà avvenire solo dopo l’eventuale aggregazione, previa presentazione del relativo Messaggio Municipale di costruzione.
    Il costo per la realizzazione del progetto (progetto + esecuzione) è di fr. 240'000.-- (fr. 180'000.-- per opere e fr. 60'000.-- per progetto), con una partecipazione a carico del Comune pari al 50%.
Riguardo alla tempistica di realizzazione delle opere citate, esse ben difficilmente giungeranno nella loro fase esecutiva entro il 2012, a far capo dal 2013, in caso di aggregazione, buona parte dei costi, come già evidenziato, dovranno perciò essere ripresi dalla Città.

Segnaliamo che con la prospettata aggregazione, l’attuale strada cantonale, che da Paradiso-Pazzallo porta a Carona attraversando Carabbia, potrebbe essere ceduta alla Città. Si tratta di una strada pavimentata in miscela bituminosa che si presenta in uno stato discreto, rinnovato solo parzialmente in alcuni tratti.
Da informazioni assunte presso i servizi Cantonali competenti, ogni anno il Cantone investe ca. fr. 100'000.- per la manutenzione ordinaria della stessa.

Carona non è dotato di un “catasto strade”.
Attualmente, anche Lugano ne è privo. Nel 2009 è tuttavia stato avviato uno studio pilota inteso a monitorare numero e stato di vie del quartiere di Besso.

Attualmente si sta definendo la metodologia d’intervento che sarà poi oggetto di un Messaggio Municipale che la Sezione Genio Civile sta allestendo, con l’obiettivo di presentarlo al Municipio entro fine 2011.
E’ indubbio che se ciò dovesse avere un seguito anche Carona dovrebbe essere compreso nel prosieguo dello studio. Al momento non siamo in grado di fornire una valutazione finanziaria sull’onere che potrebbe rendersi indispensabile (nella tabella riassuntiva abbiamo azzardato una valutazione a riguardo, v. allegato 2).

2a.3.2 Zone soggette a pericoli naturali
Si riprende quanto espresso al capitolo “Componenti del Piano Regolatore”, in particolare al paragrafo “Zone di pericolo”.

Sentiti i competenti servizi Cantonali, ci è stato confermato che ad oggi non sussistono le premesse per interventi di protezione e premunizione a salvaguardia della zona abitata/edificabile.
Le valutazioni sulla pericolosità di zone del comprensorio comunale, sia per quanto concerne i movimenti di versante che per i riali, non evidenziano sino ad oggi particolari criticità.

Problemi noti da tempo sono piuttosto legati a fenomeni di caduta massi lungo le strade cantonali Pazzallo – Carona e Vico – Carona; essi sono tuttavia di competenza Cantonale (si richiama all’attenzione quindi l’osservazione del paragrafo precedente nel caso il Cantone volesse cedere la strada Pazzallo – Carona alla Città).

Nel caso quindi si rendesse indispensabile un impegno a carico della Città, sarebbe opportuno richiedere ed inserire nel Messaggio Governativo sulle aggregazioni la garanzia del mantenimento, fino a lavori conclusi, delle medesime attuali condizioni di sussidio di Carona.

2a.3.3 Canalizzazioni
Il PGS – Piano Generale di Smaltimento – è stato approvato il 5.6.2006; per maggiori informazioni si rimanda alla scheda 2b / Dicastero Servizi Urbani – L’evacuazione delle acque residuali.
Per allinearsi a quanto esistente nella “vecchia Lugano”, analogamente a quanto avvenuto con gli ex Comuni aggregatisi nel 2004 e 2008, si dovrà prevedere un investimento per completare ed approfondire la documentazione esistente; l’importo a tal fine è valutato in fr. 1’000’000.-.

Anche in questo caso, come specificato per le zone soggette a pericoli naturali, si propone di richiedere, nell’allestimento del Messaggio Governativo, il mantenimento della percentuale di sussidio cantonale, almeno per il quadriennio seguente l’aggregazione, come allo stato attuale (biennio 2009 – 2010 / sussidio TI 20%, per Lugano é del 10%), come già adottato per l’aggregazione Iseo – Bioggio.
Questo permetterebbe di raggiungere in tempi brevi il completamento del nuovo PGS di Lugano; si ricorda che si tratta della base legale indispensabile per poter avviare la procedura di riscossione dei contributi di costruzione.

Il piano d’attuazione del PGS prevede investimenti per fr. 3'800'000.-. Tenuto conto di quanto già realizzato negli ultimi anni dal Comune di Carona, il DT ritiene che per completare quanto previsto a PGS l’onere indispensabile che la Città sarà chiamata ad assumersi ammonta complessivamente a fr. 2'600'000.- (non comprensivo dell’importo di 1 milione di franchi per completamento e approfondimento della documentazione esistente), di cui fr. 300'000.- già deliberato con i lavori in corso e fr. 450'000.- da votare.

Per quanto riguarda gli investimenti in corso o a breve termine possiamo elencare le seguenti opere:
  • canalizzazione zona nucleo – 2° Fase

    Il credito è stato votato dal Consiglio Comunale di Carona in data 13.12.2010, l’intervento è stato preventivato in fr. 1’000'000.- e nel piano delle opere 2010 - 2013 del Comune di Carona se ne prevede la realizzazione negli anni 2011 e 2012 con un investimento di fr. 500'000.- per anno.
    Le opere sono prossime all’inizio; è in corso la fase d’appalto; si pensa di concluderle nel corso del 2012 (aprile –maggio).
Tutta la rete delle canalizzazioni comunali é allacciata al collettore consortile del Consorzio Melide – Vico Morcote - Carona che le convoglia per caduta e successivo pompaggio al depuratore consortile del Pian Scairolo (CDAPS – Consorzio Depurazione Acque Pian Scairolo). Si rimanda alla scheda 2b / Dicastero Servizi Urbani – L’evacuazione delle acque residuali per i dettagli.

2a.3.4 Osservazioni generali
  • Il presente rapporto considera che l’eventuale aggregazione potrà avvenire al termine della corrente legislatura, presumibilmente ad aprile 2013.
  • Non possiamo garantire che le opere già in corso o prossime ad iniziare, di cui si fa menzione nel rapporto, saranno totalmente realizzate e completati entro l’aggregazione.
  • Le prestazioni particolari inerenti al progetto di teleriscaldamento che il Comune di Carona sta gestendo con un’apposita richiesta di credito di progettazione di fr. 40'000.-, votata dal CC di Carona il 13.12.2010, la cui realizzazione è parzialmente contemplata dai lavori in programma nel Nucleo, è gestita dalle AIL SA (v. scheda 10, “Energia e acqua”).
  • Le opere inerenti ai nuovi autosili Comunali previsti in zona “Lega”, nei pressi della piscina Comunale, e zona “Soree”, presso la chiesa all’ingresso del paese, dove sulla base di concorsi pubblici di progettazione si è definito il miglior progetto, trattandosi di costruzioni edili, non sono considerate nel presente rapporto.
  • il Municipio, il 19.10.2010, ha licenziato un credito quadro di fr. 250'000.-- per risanare l’impianto idraulico delle vasche della piscina ed in particolare le condotte di alimentazione e di ritorno, a cui va aggiunto un credito supplementare di fr. 140'000.-- approvato il 24.10.2011.

Aggregazione con Lugano - Aprile 2013